Menu

Altre regole del Visual Merchandising

regole del visual merchandising italian design institute

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Nell’articolo precedente abbiamo evidenziato le prime regole di base del Visual Merchandising. A completamento del discorso, ne riportiamo altre che è opportuno seguire per rendere il negozio più competitivo.

Tra le regole del Visual Merchandising troviamo l’isolamento, che ha l’obiettivo di accentuare e conferire maggiore importanza al prodotto, per valorizzarlo e differenziarlo. Lo si isola su un busto, una nicchia, un manichino o una cornice. Una tecnica utilizzata non solo per i prodotti ad alto valore (gioielli, quadri, preziosi) ma anche per quei capi che in una sequenza verrebbero annullati o appiattiti.

Un’altra regola del Visual Merchandising è il display ovvero una rappresentazione scenografica in grado di attrarre e di creare forti emozioni. L’allestimento deve essere sempre curato in funzione del brand e può essere utilizzato sia per presentare ed illustrare l’offerta intera ma anche per consentire la corretta gestione e rotazione delle merci.

Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri il nostro Corso di formazione: Clicca qui.

Altra tecnica che punta sulle emozioni è quella del punto focale, zona ad alto tasso di comunicazione ed attrattività, creata in base alle esigenze e tendenze del cliente. Lo si può realizzare tramite immagini chiare, evocative del prodotto esposto, posizionate in modo strategico a parete, busti usati in modo ripetuto o abbigliamento frontale.

L’aggregazione merceologica è un metodo di lavoro basata non solo su un’esposizione efficace ma anche su un’adeguata gestione dell’assortimento merceologico. Viene fatto per tema, per funzione o per colore e strutturato per marca, prezzo, stile di vita, affinità di utilizzo, stagionalità, occasionalità.

L’esposizione a tema suggerisce gli abbinamenti secondo la moda del momento e generalmente viene utilizzata ad inizio stagione. Utile per indirizzare le scelte dei clienti e stimolare acquisti multipli. L’esposizione a funzione è adatta, invece, alle categorie di prodotti che hanno vendite continuative, lente ma costanti.
L’esposizione a colore viene utilizzata spesso quando si vuole concentrare l’attenzione sul colore moda o in caso di disassortimento.

Una regola del Visual Merchandising molto efficace è la ripetizione: rafforza il prodotto, esalta l’assortimento, esplicita la qualità di un prodotto, enfatizza il messaggio intrinseco, fa prevalere l’ordine rispetto al caos. In questa tecnica è opportuno rispettare due equivalenze: l’utilizzo di un solo colore per molti articoli o un solo articolo per molti colori. Nella regola della ripetizione si tende a preferire una sequenza di 3 o multipli dispari perché la disparità garantisce che l’occhio umano venga attirato dall’elemento centrale.

Il rispetto di queste regole del Visual Merchandising può garantire una buona redditività ai punti vendita.

Altri articoli

master-interior-design-milano-roma
Novità

Master in Interior Design a Milano e Roma

Roma e Milano ovvero due delle città più importanti e dinamiche in Italia e nel mondo sotto l’aspetto artistico, culturale e del business. In questi

foresta-nello-stadio-idi-1
Novità

Lo stadio si trasforma in foresta

La partita da giocare, questa volta, è un’altra: è quella con l’ambiente, che ha bisogno, ora più che mai, di messaggi forti, che urlino tutta

it_IT
en_GB it_IT