Non sempre gli yacht vengono utilizzati per raggiungere mete paradisiache, spiagge bianche e mari cristallini: è il caso di Cloudbreak nato per portare i propri passeggeri in posti inospitali e poco accessibili, spesso legati ad attività di montagna e neve. Lo yacht Cloudbreak, da 72,5 metri, porta la firma del cantiere tedesco Abeking & Rasmussen, autore della costruzione, dello yacht designer Espen Øino, che si è occupato dell’exterior design e del layout dello yacht, e dello studio parigino di Christian Liaigre, che ha realizzato gli interni.

Questi tipi di yacht si caratterizzano per la grande autonomia di cui dispongono, che gli permette di navigare a lungo senza fermarsi spesso. La sua autonomia, infatti, si aggira intorno agli 8.750 miglia nautiche a 12 nodi, e riguarda sia il carburante sia la capacità di trasportare rifornimenti, cibo fresco, produrre acqua fresca e trattare e immagazzinare rifiuti fino al raggiungimento di un porto. Inoltre, vegnono costruiti per navigare rispettando l’ambiente, con serbatoi che raccolgono le acque di scarico.

A volte possono sembrare delle navi da lavoro a causa della sovrastruttura verso prua e della carena imponente ma, a differenza loro, al loro interno sono lussuosissime e dotate di ogni tipo di comfort. Lo yacht Cloudbreak è dotatao infatti, di 5 cabine doppie e di una suite, in grado di ospitare 12 pesone (più 22 dell’equipaggio), una cabina armatoriale con una grandissima terrazza sul mare, un winter garden per immergersi nella natura, una Spa con piscina interna e area massaggi, una zona living con un camino (tipico delle costruzioni di montagna), e persino la ski room.

yacht cloudbreak italian design institute 1
Sul ponte principale dello yacht Cloudbreak, poi, c’è una sala per l’osservazione degli itinerari, all’ingresso del salone, dove i posti a sedere si affacciano su una fila di schermi. L’ultimo sistema di informazioni per uno yacht explorer, YachtEye, di Oculus Technologies, estrae le informazioni direttamente dal ponte e le combina con le immagini di Google Earth per fornire informazioni 3D su direzione, posizione, velocità e altro.

Lo yacht Cloudbreak ha vinto il “Best Interior Layout & Design – Moto Yacht Above 500GT” allo Showboats Design Awards 2017 e il “Displacement Motor Yachts Between 1500 GT and 2,999 GT” al World Superyacht Awards 2017.

Foto: boatinternational.com

Vuoi diventare designer navale d’interni? Scopri di più sul Master in Interior Yacht Design di IDI.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish