Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Interior Design History

Prosegue la nostra antologia sui maestri più influenti del XX secolo nel campo del furniture design e quindi dell’interior design.

Alvar Aalto

Alvar Aalto (1898 – 1976)

Nato nel 1898 da un ingegnere finlandese e una postina svedese, Alvar inizia la sua attività di giovane architetto nello studio del padre. Nel 1924 compie il suo primo viaggio in Italia e nel 1925 sposa Aino Marsio, sua compagna al politecnico. Nel 1929 a Francoforte partecipa al secondo CIAM, dove conosce Sigfried Giedion ed entra in contatto con diversi artisti europei. Nel 1934 i suoi mobili vengono esposti a Zurigo e a Londra. L’anno successivo, insieme alla moglie e a Marie Gullischen fonda la propria azienda di produzione di mobili, la Artek. Cominciano anni di grande fertilità creativa, tanto da meritarsi nel 1938 il grande onore di avere una propria mostra organizzata dal MOMA di New York. L’anno successivo Aalto si reca per la prima volta in USA con l’occasione dell’Esposizione universale di New York, supervisionando l’allestimento del padiglione finlandese.

Dal 1945 comincia la sua doppia esistenza, finlandese e americana. Nel 1947 riceve l’incarico di costruire i dormitori della casa dello studente dell’MIT di Boston e lo stesso anno gli viene conferita la laurea honoris causa dall’Università di Princeton. Aalto è celebre anche tra i non addetti ai lavori per la sua gamba a Y, poi ridisegnata 14 anni dopo per somigliare a un ventaglio, costituita da una serie di fogli di compensato fine. La sua opera ha attraversato molti decenni e molti stili, dal classicismo iniziale è passato per il funzionalismo razionalista, per approdare poi a un deciso organicismo nella fase finale della sua vita. La sua visione è ben racconta da questa sua dichiarazione: “Si deve sempre ricercare una sintesi degli opposti. Quasi tutti gli incarichi progettuali comprendono decine, spesso centinaia, talvolta migliaia di fattori diversi e contraddittori, riuniti in un’armonia funzionale soltanto dalla volontà dell’uomo. Quest’armonia non può essere raggiunta con strumenti diversi da quelli dell’Arte”.

Ettore Sottsass

Ettore Sottsass (1917-2007)

Nel 1939, appena laureato al Politecnico di Torino in architettura, viene richiamato alle armi e inviato in Montenegro, dove viene catturato e tenuto per 6 anni in un campo di prigionia. Rientrato in Italia, comincia a lavorare insieme al padre nel 1947 a Milano. Nel 1957 diventa art director di Poltronova, azienda di Agliana, all’epoca tra le leader di mercato in Italia. Nel 1958 inizia la sua collaborazione con la Olivetti, che durerà quasi 30 anni influenzando profondamente non solo lo stile dei prodotti da ufficio, ma l’intero industrial design italiano. Sottsass è stato tra i primi a intendere il design come strumento di critica sociale, in anticipo sui temi che avrebbero poi prodotto il movimento del 1968. Nel 1979 partecipa, insieme al gruppo Alchimi, al Design Forum di Linz presentando molti oggetti che sarebbero diventati dei classici, come Seggiolina da pranzo, la lampada da terra Svincolo e il tavolino Le strutture tremano. La produzione di Sottsass, in oltre 50 anni di attività, ha una vastità impressionante, per quantità e qualità, si tratta inoltre uno dei più influenti divulgatori e scrittori sui temi dell’architettura e dell’impatto del design sull’uomo. Ha vinto una quantità incredibile di riconoscimenti e premi, tra cui ricordiamo ben 4 compassi d’oro. Dal 1986 i suoi lavori fanno parte della collezione permanente del MOMA di New York.

Knoll Bassett

Florence Knoll Bassett (1917)

Co-fondatrice, insiema al marito Hans, di una delle aziende più iconiche nel settore del furniture design, la Knoll. Lei stessa disegnatrice nonché imprenditrice visionaria che ha saputo sempre circondarsi dei migliori talenti di ogni epoca. Ricordiamo tra questi Mies van de Rohe, Saarinen, Risom, Bertoia, Nakashima, Gerrared. Nel 1946 fonda la Planning Unit, tra i primi studi a dedicarsi esclusivamente all’interior design, l’idea giusta al momento giusto, visto il gigantesco mercato delle ricostruzioni edilizie che si stava aprendo in USA ed Europa al termine della seconda guerra mondiale. Oggi la Knoll è uno dei giganti del settore del furniture design, vantando un fatturato annuo di oltre 900 milioni di dollari.

Hens Risom

Jens Risom (1916-2016)

Nato e cresciuto a Copenhagen, dopo il diploma alla scuola di design industriale trova lavoro in un piccolo studio di architettura di Stoccolma, prima di trasferirsi nel 1939 a New York. Nella dinamica città americana incontra qualche difficoltà di adattamento, ma nel 1941 avviene l’incontro che ha cambiato non solo la sua vita ma l’immaginario del furniture design come lo conosciamo oggi. La collaborazione con Hans Knoll è subito molto fruttuosa e dalla matita di Risom nascono ben 15 dei 20 pezzi che costituiscono la collezione inaugurale di un’azienda destinata ad un futuro radioso. Negli Anni 50 si mette in proprio fondando la Jens Risom Designs con cui firmerà altre decine di capolavori. Risom è il primo designer a portare lo stile razionalista scandinavo nel ricchissimo mercato americano, contribuendo a creare quella scuola modernista che ha influenzato in modo radicale il Novecento.

Fonte: Wikipedia.org

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish