Master in Interior Design: il percorso formativo e le opportunità di lavoro

master interior design italian design institute

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

La strada da intraprendere per diventare interior designer passa inevitabilmente da una buona preparazione torico-pratica. Per questo motivo Italian Design Institute, ente di formazione nel settore Design, organizza da anni un importante master dedicato ai professionisti di domani.

Master in Interior Design IDI: le fasi formative.

Il primo sguardo va alle fasi del percorso formativo, che prevedono:

  • Lezioni propedeutiche con lo studio dei testi e lezioni su piattaforma online
  • Fase d’aula della durata di 96 ore
  • Project work con la realizzazione di un progetto individuale
  • Fase di stage di 300 ore presso aziende partner nella regione di interesse

Il numero massimo di partecipanti è di 18 e i master si svolgono a Milano e Roma.

L’obiettivo è formare professionisti completi nel settore della progettazione d’interni, che sappiano progettare e allestire spazi abitativi e aziendali, seguendo tutte le tecniche dell’interior design, sotto la guida di docenti di fama internazionale, affrontando in modo trasversale tematiche legate all’arte, alla moda, alla comunicazione e all’architettura.

master-interior-design-italian-design-institute-1Teoria ma soprattutto pratica.

Sviluppando un progetto di design a partire dal concept e dalle scelte tecniche e dei materiali, passando per lo studio di colori, volumetrie e superfici, fino ad arrivare fino al rendering 3D, il master in Interior Design di Italian Design Institute prevede una parte teorica di apprendimento ma soprattutto una importante fase pratica di project work e una di stage, durante le quali l’allievo ha la possibilità di mettersi davvero in gioco e di sperimentare sul campo le proprie skill tecniche e creative affinate durante il corso.

Opportunità di lavoro.

Il Master in Interior Design IDI si rivolge a laureati in architettura, disegno industriale o materie affini e a tutti gli appassionati o professionisti del design e offre una preparazione in grado di portare l’allievo ad esercitare la professione con successo, sia come libero professionista che all’interno dell’industria del design e dell’arredamento, in studi di progettazione e design d’interni.

Il programma del master in Interior Design.

Il programma del master IDI prevede lo studio di 4 macro aree suddivise in diversi moduli e tematiche.

  • Progettazione degli spazi abitativi e commerciali:

L’arredamento dei singoli ambienti
Gli ambienti particolari: mansarde, taverne, giardini e terrazze
Sfruttamento degli spazi nei piccoli ambienti
Accostamento degli stili
Psicologia del colore
La normativa
La relazione tecnica, il preventivo e computo metrico
Elementi di Illuminotecnica
Elementi di Bioarchitettura

  • Impianti e problematiche:

Impianto termo-idrici ed elettrici da un punto di vista architettonico e scenografico
Le principali sorgenti luminose artificiali: caratteristiche fisiche, luminose ed elettriche
Gli apparecchi di illuminazione: componenti ed accessori

  • Materiali e complementi di arredo:

Complementi d’arredo fissi e mobili
Pavimenti e rivestimenti
Intonaci e tinteggiature
La scelta del materiale in fase di progetto: principali criteri di selezione
Materiali e materiali compositi e il loro utilizzo
I metalli, i ceramici tradizionali ed innovativi, il vetro e il legno
Le materie plastiche

  • Software di progettazione:

ArredoCAD
Rhinoceros

I docenti del master in Interior Design di IDI

I docenti del master in Interior Design di Italian Design Institute sono professionisti dalla straordinaria esperienza nel settore.

MARCO AMADIO

Docente presso la facoltà La Sapienza di Roma nel corso di laurea in Disegno Industriale, Marco Amadio si è occupato a lungo dei processi di costruzione di stampi in materiali termoindurenti. Consulente e progettista per industrie del settore Trasportation Design e Automotive, si occupa della realizzazione di modelli 3D e dei processi di ottimizzazione nella produzione di stampi per la produzione in serie. Ha ricevuto numerosi premi nell’ambito del Naval Design, con il progetto Verve 36, realizzato per il gruppo Azimut Benetti, oltre ad essere stato insignito del “Premio Barca” nel 2010. Attualmente ricopre il ruolo di docente e direttore didattico presso istituti milanesi e romani, proseguendo al tempo stesso la sua mission di formazione per i giovani studenti che desiderano entrare nel mondo del design automotive.

LUCA SOLAZZO

Docente di architettura presso le Università La Sapienza a Roma e Camerino ad Ascoli, Ha partecipato a diverse trasmissioni televisive sul tema dell’architettura di interni, tra le quali “Case e Stili” (canale tv Alice) e “Work in Progress” (canale tv Sky). All’attività di libero professionista come progettista e direttore dei lavori affianca quella di designer, progettando e realizzando complementi d’arredo, alcuni dei quali in vendita presso negozi specializzati. Molti suoi lavori sono stati oggetto di pubblicazioni sulle principali riviste del settore tra cui: l’Arca, Ottagono, Abitare, Inside Quality Design, Progetti, Ambiente Casa, Casa 99 Idee. Fondatore dello studio Luca Solazzo Architettura e Design nel 2000. Attualmente è attivo nel campo dell’architettura d’interni e nella ricerca e progettazione residenziale e commerciale, a Roma e su tutto il territorio nazionale.

LORENZO LONGO

Docente nei corsi triennali in Interior Design, nel 2006 fonda a Milano De Signum Studio Lab (www.de-signum.com) e nel 2007 entra a far parte del team di progettazione battistrada del gruppo Pirelli. Si specializza nella progettazione di lampade d’arredo e presenta i suoi primi prodotti nel catalogo di Kundalini. Direttore creativo dell’azienda Pimar, per cui cura la Pimar Design Collection. Nel 2011 Young Talent Designer per Case da Abitare e per il magazine Interni, espone le sue opere per Mercedes Benz al Museo dei fori imperiali a Roma. I suoi prodotti e allestimenti partecipano annualmente alle manifestazioni London Design Week, Light & Building di Francoforte, Maison et Objet di Parigi, Salone del Mobile di Milano e Mosca. Dal 2012 ha una cattedra presso il master in Interior Design IDI ed é attualmente Guest Professor al Politecnico Di Bari. Opera trasversalmente in tutti i campi del design e dell’architettura, guida le aziende nel processo di internazionalizzazione e nello sviluppo di un apparato creativo.

ARMANDO BRUNO

Armando Bruno è socio e CEO dello Studio Marco Piva. Tra le diverse attività di architetto, svolge attività di docenza presso il Politecnico di Milano, SPD Scuola Politecnica di Design, Tongji University_Shanghai, Shenzhen University_Shenzhen, Tsinghua University_Shenzhen, Barreira A+D_Valencia e collabora con SDA Bocconi e altre università internazionali.
E’ stato membro di diverse giurie, fa parte del comitato di coordinamento del Dipartimento dei Progettisti ADI e della commissione tematica delle candidate ADI Design Index, coordina il premio Young&Design dal 2015.
Ha collaborato con alcuni fashion brand come Aspesi, Bvlgari, Jil Sander, Maison Martin Margiela, Marni e MSGM ed è stato fondatore e curatore artistico della galleria Spaziootto di Milano, attualmente fondatore e direttore del magazine BrUTO.

Altri articoli

packaging sostenibile italian design institute
Novità

Packaging Design: la scelta etica delle aziende

Attenzione particolare all’etica, e alla dignità del lavoro. Questi i punti cardinali da cui Icma, Industria Carte Metallizzate ed Affini, fondata da Matilde Carcano, parte

it_IT

La tua formazione?
È al sicuro.