Menu

Le parole del Packaging Design

parole del packaging design italian design institute 1

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Esistono numerose parole del Packaging Design, che ricorrono spesso e che ci danno un’idea di quanto vasto e complesso, ma nello stesso tempo affascinante, sia questo settore che unisce Design, ricerca, progettazione, arti grafiche, creatività e comunicazione.
Alcuni termini particolari vanno a formare un glossario legato al packaging e che sono importanti da conoscere. Non è un glossario esaustivo e completo, ma sicuramente offre una panoramica generica da cui far partire ogni successivo approfondimento.

parole del design packaging italian design institute

Busta

È il termine generico con cui si definiscono i vari imballaggi rettangolari per contenere elementi solidi e, in molti casi sottovuoto: soprattutto di prodotti alimentari. Nel mondo del packaging, vi è tutta una serie di tipologie di prodotti che utilizzano le buste come contenitori, che vanno dalle shopper per la spesa alle buste particolari per i surgelati.

Chiusura

La parola indica i vari sistemi con cui si possono chiudere ermeticamente i vari contenitori e possono essere: tappi, coperchi, capsule a tenuta, realizzati in diversi materiali, solitamente metallo o plastica o, come accade per il vino, il sughero.

Bottiglia

A proposito di vino, ma gli esempi abbracciano migliaia di prodotti diversi, la bottiglia è certamente il contenitore per antonomasia dei liquidi.
Solitamente le bottiglie sono in vetro o in plastica o Pet, hanno forma cilindrica che si restringe al vertice in un imbocco con finiture varie, che permettono l’utilizzo di diversi tipi di chiusure; basti pensare al tappo di sughero a quello avvitato.

Barattolo

Realizzato in acciaio o alluminio, è un particolare tipo di imballaggio di dimensioni varie, dalla forma solitamente cilindrica, composto da tre pezzi distinti, un corpo, un
fondo e un coperchio, il più delle volte con sistema “easy open”, cioè apribile senza alcuno strumento.

Lattina

Diverso dal barattolo è la la lattina, di forma cilindrica, a tenuta ermetica, realizzata in alluminio o acciaio. Il termine “lattina” deriva dal primo materiale
utilizzato per realizzarla: la lamiera di ferro stagnata. Di solito la lattina ha dimensioni varie, più piccola se deve contenere bevande di pronto consumo, più grande se serve per olii alimentari o di altro tipo.

Astuccio e Blister

Si tratta di una scatola di varie forme, di dimensioni standard o realizzata per contenere un oggetto specifico, realizzata con il cartone e con altri svariati materiali, come plastica o legno.
Diverso è il Blister, costituito da due pezzi, con la base realizzata in carta, cartone, plastica o alluminio. Su questa base, poi, viene applicato un elemento, solitamente in plastica, della forma diversa a seconda del prodotto che deve contenere. Di solito è usato per esporre oggetti che si vogliono far vedere ma che sono difficili da presentare o per i quali è richiesto il confezionamento monodose.

Dosatore e tubetto

È uno dei sistemi che ha rivoluzionato il packaging design degli ultimi 30 anni: un sistema per regolare l’erogazione di un fluido o di un liquido, risultato molto utile per il commercio di prodotti farmaceutici e cosmetici, oltre che alimentari.
Il tubetto è invece un recipiente di forma cilindrica, in alluminio o laminato plastico, con un’estremità schiacciata e l’altra provvista di tappo, utile per contenere sostanze pastose come creme, dentifrici, colori o medicinali.

Vaschetta

Utilizzata soprattutto nel food packaging, è un contenitore senza coperchio, realizzato in plastica e/o cartone, di solito avvolto con una pellicola protettiva dopo essere stato riempito viene
avvolto con una pellicola plastica protettiva.

Scatola

Forse è questo il termine più generico e usato nel packaging design, dal momento che può indicare una vasta gamma di contenitori provvisti di coperchio, con forme e dimensioni varie. Le scatole possono essere realizzate in tantissimi materiali, a seconda del tipo di prodotto che contengono, quali cartone, plastica, legno e metallo.

Espositore e pallet

L’espositore ha una doppia funzione: di imballaggio e contenitore del prodotto, nonché di presentazione per la vendita. Solitamente viene realizzato in cartone e consente una importante personalizzare del prodotto.
Il Pallet viene utilizzato come base di appoggio per vari materiali durante tutte le operazioni di carico, movimentazione e immagazzinamento.

Incarto

Nel packaging design l’incarto è un foglio che avvolge un prodotto senza chiuderlo in maniera ermetica, usato soprattutto nel food packaging o nel settore cosmetico.

Non perdere la prossima edizione dello short master in Packaging Design di Italian Design Institute: scopri le date, i programmi e i docenti.

Altri articoli

master-interior-design-milano-roma
Novità

Master in Interior Design a Milano e Roma

Roma e Milano ovvero due delle città più importanti e dinamiche in Italia e nel mondo sotto l’aspetto artistico, culturale e del business. In questi

foresta-nello-stadio-idi-1
Novità

Lo stadio si trasforma in foresta

La partita da giocare, questa volta, è un’altra: è quella con l’ambiente, che ha bisogno, ora più che mai, di messaggi forti, che urlino tutta

it_IT
en_GB it_IT