In molti, ogni giorno, combattono affinché possano sempre dormire bene. Non c’è niente, infatti, che possa rovinare una giornata intera quanto un sonno mai sereno e profondo. Per questo motivo medici ed esperti del settore, con il passare degli anni, sono riusciti a dare alcuni consigli per evitare alle persone di tutto il mondo di svegliarsi al mattino “con il piede sbagliato”. Tra i vari suggerimenti molti sono più che noti, ormai. Durante la Giornata Mondiale del Sonno dello scorso 16 marzo, sono stati trattati infatti quegli argomenti già ben conosciuti, come il “divieto” di attività fisica nelle ore che precedono il sonno (è consigliabile praticare sport al primo mattino). O ancora, bisognerebbe evitare di mangiare molto pesante a cena, in maniera tale da non affaticare la digestione durante la notte; non scorrere le pagine social sullo smartphone quando si è già a letto e fare una doccia calda prima di addormentarsi.

Piante e lenzuola anallergiche per dormire bene.

Ma, a quanto pare, tutto questo non basta. Un aiuto in tal senso potrebbe arrivare direttamente dagli esperti di design, secondo i quali una stanza ben arredata con oggetti funzionali è propedeutica a una migliore qualità del sonno. Tutto questo contorno non può però prescindere dalla scelta dell’elemento fondamentale per dormire bene: il materasso. Deve essere ovviamente comodo, non troppo morbido né troppo duro ma con quelle qualità che possano assecondare il movimento del corpo in totale relax. Così come riportato dal Corriere della Sera Living, l’idea di rivoluzione del mercato dei materassi arriva direttamente dall’azienda inglese Eve Sleep, che ha puntato la propria idea sul seguente motto: “Una giornata fantastica comincia la notte prima”. Non solo il materasso in sé, dunque, ma anche lenzuola (da preferire fibre naturali e anallergiche, e mai materiali sintetici), coperte e piumone. Coricarsi in un letto ben fatto e ordinato agevolerebbe il rilassamento del corpo e della mente. Ma non ci si ferma qui. La temperature della camera da letto deve essere compresa tra i 18 e i 22 gradi; la luce? Completamente assente. È infatti scientificamente provato che uno solo spiraglio aperto dal quale provenga un fascio di luce possa risvegliare i nostri neuroni anche se siamo a occhi chiusi. dormire bene italian design institute 1 E non bisogna dimenticare le piante. Oltre ad essere una componente di design da non sottovalutare, aiutano a rendere l’aria più pulita e respirabile. Ma è importante anche prendersene cura, perché aiuta a rilassare il proprio corpo che sarà così predisposto a un sonno migliore. Infine, la sveglia. In molti impostano un orario sul proprio cellulare ma spesso si destano di soprassalto per colpa delle suonerie. Alcune sveglie, invece, hanno un design così particolare che va dal rivestimento in tessuto che attutisce il suono fino a una sofisticata tecnologia di riproduzione dello stesso. Insomma, per poter dormire bene, bastano alcune semplici accortezze che possono dare un contributo maggiore alla qualità del sonno. Se anche tu sei interessato al product design, consulta i master di Italian Design Institute.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish