Menu

Da Italian Design Institute la vincitrice dello Spreach Agorà Design, Veera: “Grazie a un corso efficace”

spreach agorà design

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Un premio da 4mila euro, la soddisfazione di essere tra le vincitrici dello Sprech Agorà Design 2018. Il primo premio della sezione Garden Design se l’è aggiudicato Veera Katariina Raman, che con “Parrot” è salita sul gradino più alto del podio. La mostra dedicata all’architettura e al design ha incoronato un’allieva del Master in Garden Design, organizzato da Italian Design Institute. Grazie alle ore passate in aula e al contributo offerto da professionisti del settore, Veera ha potuto approfondire al meglio le tecniche di questo ramo del design, facendo culminare la propria esperienza personale e professionale nella conquista del premio in denaro offerto da Sprech Agorà Design.

Veera, quali le sue prime attività nel settore del Design e, ancor prima, nel periodo di formazione?

Ho sempre avuto la passione per il disegno, fin da bambina. La stessa che mi ha spinto prima verso il Liceo Artistico e poi all’Accademia di Belle Arti. Qui mi sono dedicata alla scultura, e nel frattempo mi sono avvicinata al mondo della scenografia, spinta dalla passione di una cara amica. Così ho scoperto un nuovo mondo fantastico che univa insieme tutto quello che amavo: la scultura, il disegno, la musica, la danza, la moda e la storia. E non mi sono più fermata. La scenografia mi rappresentava una completezza massima, era quello che in fondo avevo sempre desiderato. Anni dopo, quando già vivevo in Italia, lavorando in televisione ho scoperto il mondo del design; realtà con cui, ogni set televisivo che progetto o allestisco, deve fare i conti quotidianamente”.

Ad oggi lavora come Production Designer per noti emittenti televisive nazionali. Cosa la affascina di più di questo lavoro?

La scenografia televisiva è tante cose messe insieme. Conoscenza dei materiali, continua ricerca delle nuove tecnologie e delle novità, progettazione tecnica e 3d, la gestione di un cantiere e il teamwork. Insomma, il progetto in evoluzione fino ad arrivare alla messa in onda. Ed è proprio questa completezza e variabilità che mi affascina ancora dopo anni”.

Ha frequentato il Master in Product Design di IDI. Quali sono secondo lei i punti di forza che questo Master può dare per il mondo del lavoro e in che modo quanto appreso l’ha aiutata a raggiungere il Primo Premio allo Spreach Agorà Design?

Il corso è una full immersion nel mondo del Product con professori e professionisti del campo. Insegna allo studente il metodo e la preparazione del concept. Ho trovato molto efficace il Project Work individuale di 4 settimane, con il tutoraggio settimanale del professore. Un’esperienza formativa che sicuramente mi ha aiutato nel concorso e non solo. Comunque per entrare nel mondo del lavoro oltre al Master di IDI bisogna aggiungere la determinazione, la costanza e un pizzico di fortuna”.

Ora, da fresca vincitrice, cosa può dirci sui suoi programmi lavorativi e di vita futuri?

Questo premio mi ha dato tanta carica e l’irresistibile desiderio di scoprire i miei limiti nel mondo del Product. Fondamentalmente sono curiosa. Curiosa anche di sapere se è stata solo la fortuna della principiante”.

Altri articoli

master-interior-design-milano-roma
Novità

Master in Interior Design a Milano e Roma

Roma e Milano ovvero due delle città più importanti e dinamiche in Italia e nel mondo sotto l’aspetto artistico, culturale e del business. In questi

foresta-nello-stadio-idi-1
Novità

Lo stadio si trasforma in foresta

La partita da giocare, questa volta, è un’altra: è quella con l’ambiente, che ha bisogno, ora più che mai, di messaggi forti, che urlino tutta

it_IT
en_GB it_IT