Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Come ogni anno l’Associazione Disegno Industriale assegna il più antico e prestigioso premio di disegno industriale al mondo, il premio Compasso d’Oro. Giunto alla 25esima edizione, l’obiettivo è quello di premiare e valorizzare la qualità del design italiano. Il tema di quest’anno è stata la presenza del design nella quotidianità di tutti.

Numeri impressionanti sono stati registrati anche quest’anno: oltre 1200 i prodotti candidati, 283 i prodotti sottoposti alla giuria internazionale, 56 Menzioni d’Onore e 16 premiati, oltre 11 premi Compasso d’Oro alla carriera e 3 premi Targa Giovani agli studienti universitari.

La premiazione è avvenuta nella splendida cornice del Castello Sforzesco di Milano.

Premio Compasso d’Oro: i vncitori

Tra i 16 vincitori troviamo prodotti molto differenti tra loro: ad esempio, la sospensione Discovery di Artemide disegnata da Ernesto Gismondi, la rubinetteria Eclipse di Studiocharlie per Boffi, il radiatore Origami di Alberto Meda per Tubes Radiatori, la calzatura Vibram Furoshiki The Wrapping Sole, l’attrezzo Skillmill di Technogym, l’allestimento museale ‘Leonardiana’ di Migliore+Servetto Architetti Associati e la Fondazione Prada di Milano progettata da OMA, ma anche la nuova berlina Giulia di Alfa Romeo, Osa la caldaia che arreda di Unical o la bolletta trasparente di Enel. Un pieno di idee e un vero successo del design italiano.

Gli 11 premi Compasso d’Oro alla carriera sono stati attribuiti a Ernesto Gismondi, Adolfo Guzzini (iGuzzini), Giovanna Mazzocchi (Editoriale Domus), Giuliano Molineri (Giugiaro Design), alla fashion designer Nanni Strada, agli architetti e designer Donato D’Urbino e Paolo Lomazzi, al designer Angelo Cortesi, Giovanni Anzani, Alberto Spinelli e Aldo Spinelli (Poliform), Zeev Aram, Chris Bangle, Milton Glaser. Ad essi si aggiungono i premi internazionali al car-designer Chris Bangle, al designer e fondatore del brand Aram, Zeev Aram e al grafico Milton Glaser.

Tra i giovani, i tre premiati sono Jari Lunghi con “Caronte“, una tesi di Laurea Triennale dell’Università degli Studi della Repubblica di San Marino, Andrea Matteo Valensin con “Dissalatore di emergenza“, una tesi di Laurea Triennale della Scuola del Design del Politecnico di Milano e Ludovica Zengiaro con “Rocky“, una tesi di Laurea Magistrale della Scuola del Design del Politecnico di Milano.

Dopo la cerimonia, è stata inaugurata la mostra (aperta fino al 26 giugno) dove verranno esposti i Compassi d’Oro e le 56 menzioni d’onore proclamate.

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca

ArabicChinese (Simplified)DutchEnglishFrenchGermanItalianPortugueseRussianSpanish