Menu

Suggestioni dal Giappone nella collezione di Marcantonio Raimondi Malerba.

Condividi

Condividi su facebook
Condividi su linkedin
Condividi su twitter
Condividi su email

Suggestioni giapponesi ispirano Kintsugi, la nuova collezione a firma di Marcantonio Raimondi Malerba per Seletti, ispirata alla tecnica nipponica di riparazione delle ceramiche con l’oro e l’argento.Una tecnica completamente rivoluzionaria e controcorrente rispetto all’odierna società del consumismo e del prodotto “mordi e fuggi”.
Eppure, da questo approccio al recupero, Marcantonio Raimondi Malerba ne trae ispirazione per una produzione artistica che porta con sè eleganza, preziosità, raffinatezza.
Il Kintsugi, ovvero letteralmente l’arte del riparare con l’oro, è una pratica giapponese che consiste proprio nell’utilizzo di oro e argento liquido per la riparazione di ceramiche rotte.
Questi materiali, colati nelle crepe e tra i pezzi frantumati della ceramica, si consolidano donando nuova vita al prodotto, che ne acquista una regalità unica, aumentandone il valore.
La bellezza dell’imperfezione e il rispetto della storia di un oggetto sono alla base di questa collezione realizzata dal designer e artista italiano, lanciata alla Maison Et Objet 2018 per il marchio Seletti.
Pezzi unici, piatti e tazze e vassoi, in cui le forme provenienti da una precedente rottura, si assemblano, si abbracciano in un prezioso equilibrio di colori. L’oro è il collante di questo “mosaico” di ricordi: un rispettoso recupero, una valorizzazione del passato, una rinascita elegante e contemporanea, per uno stile che in parte strizza l’occhio allo stile Dandy, e che sicuramente riprende le delicate atmosfere derivate dal Sol Levante.

Altri articoli

master-interior-design-milano-roma
Novità

Master in Interior Design a Milano e Roma

Roma e Milano ovvero due delle città più importanti e dinamiche in Italia e nel mondo sotto l’aspetto artistico, culturale e del business. In questi

foresta-nello-stadio-idi-1
Novità

Lo stadio si trasforma in foresta

La partita da giocare, questa volta, è un’altra: è quella con l’ambiente, che ha bisogno, ora più che mai, di messaggi forti, che urlino tutta

it_IT
en_GB it_IT