Il 10 febbraio 2017 a Entebbe in Uganda, Gino Strada e Renzo Piano, insieme al Presidente Museveni e al ministro della Sanità Jane Ruth Aceng, hanno posato la prima pietra del nuovo progetto Children’s Surgery Center, che sarà gestito da Emergency: un centro di eccellenza nella chirurgia pediatrica che sorgerà sul Lago Vittoria, a 35 km dalla capitale Kampala.

Children’s Surgery Center

La necessità di un centro specializzato nella chirurgia pediatrica che sorgesse in Africa Centrale è stata evidenziata dai Ministri della Salute degli stati facenti parte dell’ANME (African Network of Medical Excellence), la rete sanitaria del continente Africano creata su iniziativa di Emergency nel 2009, con lo scopo di sviluppare i sistemi sanitari dei paesi aderenti e portare un’assistenza gratuita e d’eccellenza in luoghi dove ancora non vi è accesso ad essa.

In Uganda la mortalità infantile sotto i 5 anni di età è del 13,8% (calcolata sul totale dei bambini nati vivi): garantire cure chirurgiche gratuite in un contesto simile è una priorità sia per l’Uganda che per i paesi limitrofi. Il Governo ugandese ha infatti deciso di partecipare attivamente al progetto, donando il lotto di terreno dove sarà costruito il Children’s Surgery Center.

children's surgery center

Un’architettura d’eccellenza per una medicina d’eccellenza

“Quando Gino Strada mi ha chiesto di partecipare a questa nuova sfida di Emergency non ci ho pensato due volte, ho detto immediatamente sì! Questo ospedale sarà un modello di eccellenza medica, sostenibilità ambientale, indipendenza energetica e armoniosa distribuzione dello spazio” – ha dichiarato Renzo Piano.

La struttura, che utilizzerà le risorse della terra, dell’acqua e del sole, sorgerà sulle rive del Lago Vittoria, circondata da natura e alberi affinché la vegetazione faccia da orizzonte ai giovani pazienti, utilizzando gli alberi come metafora del processo di guarigione.
L’ospedale avrà 3 sale operatorie e 78 posti letto; sarà inoltre un centro di formazione di giovani dottori e infermieri provenienti dall’Uganda e dintorni; sarà realizzato in terra pisé, una tecnica di costruzione tradizionale che utilizza la terra cruda, garantendo un’inerzia termica che manterrà costanti la temperatura e l’umidità all’interno dell’edificio. Un’attenzione particolare sarà destinata agli aspetti ambientali: il centro sarà infatti alimentato da un impianto di circa 2600 pannelli solari, realizzati da Enel Green Power per soddisfare il fabbisogno energetico della struttura.

Il progetto di Renzo Piano e TAMassociati

La mission del progetto di Renzo Piano per Emergency, ONG italiana fondata da Gino Strada nel 1994, è dunque creare un ospedale che offra cure di alta qualità e gratuite per la popolazione infantile, ai livelli dei migliori centri occidentali, formando al tempo stesso medici e infermieri locali, all’interno di una struttura unica nel suo genere: un edificio bio-climatico costruito secondo la tecnica locale con terra cruda, ma ricco al suo interno di apparecchiature avanzatissime.

Il complesso sarà composto da tre corpi di fabbrica paralleli con grandi coperture piane. Il primo, più piccolo e a un solo livello, per gli spazi di accoglienza; gli altri, a due livelli, sorgeranno ai lati della corte centrale e avranno sale operatorie e di rianimazione nel seminterrato. La corte centrale sarà un giardino con un grande albero su cui si affacceranno i corridoi e le camere, delimitata a ovest dall’edificio degli alloggi del personale.

La tecnica locale nota come pisé utilizza una mistura di terra, sabbia, ghiaia e acqua, pressata in casseforme di legno con l’aiuto di martelli meccanici. Per migliorare le caratteristiche di resistenza meccanica e superficiale del composto sono stati eseguiti test approfonditi in Italia e messi a punto nuovi addensatori chimici presso i laboratori della Mapei S.p.a.
Elemento chiave del progetto saranno le grandi coperture piane costituite da travi in legno e tiranti in acciaio, che proteggeranno l’ospedale dalle intemperie e dal sole, permettendo allo stesso tempo l’alloggiamento di 5.000 mq di pannelli fotovoltaici offerti da Enel Green Power per la produzione di 400 kW di energia pulita.

Maggiori informazioni al seguente link: architetturaecosostenibile.it

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca