Addio alla Fiat Punto dopo 25 anni

Se sei un appassionato di questo settore e desideri trasformare la tua passione in lavoro, scopri i nostri Master e Corsi di formazione: Clicca qui.

Si chiude qui la lunga vita della Fiat Punto, lo storico modello torinese che dal 1993 ha venduto circa 9,5 milioni di esemplari. La sua produzione presso lo stabilimento della SATA di Melfi (Pz) terminerà nella prima metà del prossimo mese di agosto.

Il motivo è ben chiaro: secondo Alfredo Altavilla, Chied Operating Officer Emea di FCA, i costi sono troppo alti per un segmento (definito “B”) poco redditizio e con “margini di guadagno ridotti”. Lo sviluppo, la produzione e la vendita di questa tipologia di auto non è conveniente data l’alta scontistica applicata e la scelta dei clienti basata unicamente sul prezzo.

Inoltre, gli ultimi dati del settore dimostrano come le preferenze degli automobilisti si sia spostata sempre più verso i modelli Suv.

Fiat Punto: 25 anni di grandi successi

Diretta ereditiera di altri modelli di successo del passato come la Uno, la 127 e la 850, nel nostro paese ha avuto un gran successo in particolare negli anni ’90, quando è riuscita a togliere alla Volkswagen Golf lo scettro di auto più venduta d’Europa.

Quando uscì, nel 1993, nella prima generazione spiccavano la GT con motore 1.4 Turbo da 133 CV, la cabriolet e versioni particolari come la HSD (High Safety Drive) e la 6 Speed con cambio a 6 marce.

Nel 1999, dopo 3,42 milioni di esemplari prodotti e in concomitanza con il centenario dell’azienda torinese, arriva la seconda generazione di Fiat Punto rivisitata nel design e nel motore.

Il grande cambiamento, però, avviene nel 2005 con la Grande Punto firmata dalla Italdesign di Giugiaro, che entra nel mercato con motorizzazioni Gpl e metano.
Seguiranno, poi, il modello “EsseEsse” (con 180 CV), realizzata dalla divisione Abarth, e nel 2009 la Punto Evo.

Nonostante la decisione dei vertici dell’azienda, la nuova Punto ha avuto un ottimo debutto sul mercato brasiliano (in Brasile si chiama “Argo”), tanto da lasciare aperta l’ipotesi di un suo debutto anche in Italia, con fabbricazione in Polonia o Turchia.

Purtroppo, però, le ultime linee guida industriali di FCA hanno escluso anche questa possibilità.

Condividi

Altri articoli

by Sviluppo Europa Srl
TÜV

Sviluppo Europa Srl
Via Albricci, 9
P.Iva 10282190965
Milano (Italy)

Numero Verde: 800 136 058
Scrivici una E-mail 

 

Privacy Policy
Cookie Policy

Dati societari

Sviluppo Europa s.r.l.
Via Albricci, 9 – 20122 Milano
P.I. 10282190965
codice univoco: M5UXCR1
[email protected]


Provincia Ufficio Registro. camera di commercio Milano Monza Brianza Lodi
Codice Fiscale è la p.iva
Numero REA  MI-2519496
Capitale Sociale 10.000

La tua formazione?
È al sicuro.